Massimo

Significato: il più grande il maggiore
Origine: latina
Onomastico: 25 Giugno
Corrispondenze: Segno Zodiacale della Vergine
Numero portafortuna: 2
Colore: arancio
Pietra: topazio
Metallo: rame

E’ un nome molto diffuso in tutta Italia, soprattutto in Toscana e nel Lazio; numerose sono le varianti e i derivati, tra cui Massimiliano, Massimiano, Massimino (che può essere sia il diminutivo di Massimo sia un derivato dal nome latino Maximinus) e, al femminile, Massimina. Massimiliano si è affermato, in età imperiale, soprattutto grazie al culto per s. Massimiliano martire in Numidia sotto Diocleziano e, successivamente, grazie alla fama di Massimiliano I di Asburgo, imperatore nel XIV secolo nonchè di Massimiliano d’Asburgo, fratello di Francesco Giuseppe e imperatore del Messico, dove fu fucilato nel 1867 dalle forze di liberazione. Il nome Massimo. riprende il soprannome e poi nome individuale latino Maxìmus, di matrice sia laica sia cri stiana. La diffusione laica è avvenuta per il prestigio di Quinto Fabio Massimo (detto’il Temporeggiatore’), console nel Il secolo a. C. durante la guerra contro Annibale; in ambienti cristiani il nome si è affermato per il culto di s. Massimo vescovo di Torino nel IV secolo. Tra i personaggi storici si ricordano lo scrittore e patriota Massimo d’Azeglio (1798-1866); lo scrittore Bontempelli, fondatore della rivista’900; il pittore americano Weber e l’omonimo sociologo tedesco; lo scultore e pittore tedesco Ernst; gli attori Girotti e Serato. E’ solido e mira subito alla meta, senza indugi, sotterfugi, imbrogli. Ha una naturale maestà che gli conquisterebbe un regno. Dal momento però che i tempi sono cambiati e sembrano avversi all’istituto della monarchia, egli comunque è destinato a emergere dalla folla e a imporre le proprie qualità. Sa sempre cosa dire al momento opportuno e quale gesto compiere per accattivarsi la sua audience. Può sembrare freddo e distaccato ma del resto quale sovrano non mostra tale atteggiamento?